Parole dal pretorio # 11
gravatar
di Ascoli-Vitagliano, 18 luglio 2013
Nome: Angelo-Pasquale
Cognome: Ascoli-Vitagliano
Website:
Bio: Angelo Ascoli, giornalista, è l'attuale direttore del settimanale "Diva e Donna". Pasquale Vitagliano è poeta, giornalista e critico letterario. Scrive per diverse riviste nazionali. Nel 2006 ha curato l’Antologia della Poesia Erotica Contemporanea (Atì Editore), nel 2009 ha pubblicato la raccolta di poesie Amnesie amniotiche (Lietocolle editore). Nel 2012 è uscito il suo primo romanzo "Volevamo esser statue" Eumeswil editore.

Parole dal pretorio # 11

Ventidue lettere per un mistero

Quinta risposta

 
Mio caro Daniele,
 
Ma c'è stato davvero qualcuno che ci ha impedito di trovarci a Caserta? Cosa succede? Cosa è accaduto? Che cos'è che mi sfugge? Se non avessi visto io stesso il corpo gelido di Emilia, se non fossi certo, certo almeno di ciò, che lei è morta, uccisa, a Caserta, che lei era a Caserta per incontrare te e da lì non è più tornata, se non fossi sicuro di ciò, Daniele, oggi sarei certo che è stato tutto un gioco, o sei vuoi un sogno, un incubo. Se non sei stato tu a rinviare l’appuntamento, allora è stata Emilia. Lei forse non voleva intrusi tra di voi. Oppure è stato chi l’ha poi uccisa: anche per lui, io sarei stato un intruso.
Da qualche parte devo aver letto che ci sono delle menzogne che non riescono a restare nascoste, che chiedono di uscir fuori, di essere dette. Smascherate. “Se tu hai mentito”: ti è scivolata così, alla fine di quella tua ultima, strana lettera. Mentito. Io non avrei mai pensato che tra noi due potesse esserci la menzogna.
Cos’è, Daniele? Un banale lapsus o una traccia che mi getti per invitarmi a seguirti? E per finire dove? Quante sono le volte che sei tornato a Milano senza avermi cercato? Quando? Allora era vero, Daniele, ciò che qualcuno, settimane fa, mi disse? Di averti visto al Palazzo, ma si era lui, il procuratore, il suo amico, no era solo camminava in fretta non mi ha visto le assicuro che era lui dottore si fidi di me. Eri tu, Daniele. Tu a Milano. Tu a Caserta. Tu anche dietro la telefonata, allora? Tu bugiardo?
Spiegami, Daniele. Qualsiasi cosa, ma spiegami. Preferirei sentirti dire che hai sparato tu a Emilia, che hai preferito che lei non fosse più piuttosto che fosse senza di te. Preferirei saperti assassino, Daniele. Ma saperti, almeno. Altrimenti questa lettera, quelle lettere non hanno più senso. Altrimenti meglio il silenzio.
 
[Angelo Ascoli - Pasquale Vitagliano]
 
© foto di Sabrina Minetti
 
Puntate precedenti: # 1, # 2, # 3, # 4, # 5, # 6, # 7, # 8, # 9, # 10

 

 

condividi su: TwitterTwitter FacebookFacebook